Attività e progetti

Pagare per la performance non paga

Dal 2004 è stato implementato nel Regno Unito un sistema di remunerazione dei General Practitioners finalizzato ad incentivare economicamente la qualità delle cure, definita mediante un sistema di standard e indicatori. L’intenzione era di ridurre l’insorgenza di patologie favorendo miglioramenti dei processi di cura, del controllo di fattori di rischio e del monitoraggio periodico dei pazienti.

Inserito da redazione il Mar, 22/02/2011 - 12:53

Gli anziani e la non autosufficienza – cosa ci attende?

Molte famiglie italiane devono affrontare, in misura crescente negli ultimi anni, il problema dell’assistenza agli anziani. La questione si pone – ovviamente - in misura assai più rilevante, anche sotto il profilo economico e organizzativo, a fronte della non autosufficienza della persona anziana.

Inserito da Visitatore il Mar, 21/12/2010 - 08:14

Il nuovo Codice deontologico dell'ostetrica

UN PATTO DI ALLEANZA CON LA DONNA, LA COPPIA E IL BAMBINO

Il 19 giugno 2010, in sede di Consiglio Nazionale è stato approvato il nuovo Codice deontologico delle ostetriche italiane, frutto di un collettivo processo di riflessione sull’identità della professione che da sempre promuove la salute in ambito ostetrico, ginecologico e neonatale ponendo alla base del proprio agire la centralità della donna e del bambino.

Inserito da redazione il Mer, 21/07/2010 - 11:56

AIFA: una tempesta in un bicchier d’acqua

L’assoluzione di Nello Martini non dice molto al grande pubblico. Per chi la mattina legge i giornali e poi si occupa d’altro, la tempesta scatenata nel maggio 2008 contro l’allora direttore dell’Agenzia italiana per il farmaco sfuma nel ricordo, tra decine di altri scandali grandi e piccoli, reali o mediatici, che gridano alla malasanità, alle lobby, alla corruzione endemica del nostro Paese. Invece quello dell’AIFA è un caso diverso, che merita un’attenzione particolare.

Inserito da Roberta Villa il Lun, 12/07/2010 - 23:23

Meno welfare, meno salute: i tagli aumentano la mortalità

Se i governi pensano di difendere il diritto alla salute dei propri cittadini solo salvaguardando i finanziamenti per la sanità, commettono un grave errore: anche i tagli alla spesa per il welfare, infatti, causano un netto aumento dei tassi di mortalità. A dimostrarlo è uno studio pubblicato sul British Medical Journal da un gruppo di ricercatori anglo-americani guidato da David Stuckler, sociologo dell’Università di Oxford.

Lo studio

Inserito da Elisa Buson il Mer, 07/07/2010 - 18:11

Mamme tristi sotto tutela

Non scherzavano i ginecologi della SIGO, la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, quando hanno proposto un’assistenza domiciliare coatta, 24 ore su 24, a tutte le puerpere depresse. E non è neanche una di quelle dichiarazioni amplificate dalla stampa e subito smentite.

Inserito da Roberta Villa il Mar, 22/06/2010 - 10:38

Toscana: carta dei servizi sanitari e dintorni

Durante le giornate del IV percorso di formazione PartecipaSalute-Accademia del cittadino si è parlato di Carta dei Servizi e si sono confrontate attività e modalità di lavoro delle diverse regioni italiane. Qui di seguito sono brevemente riassunte alcune iniziative che ruotano intorno alla Carta dei servizi fatte in Regione Toscana. In questa regione da tempo cittadini, pazienti e loro rappresentanze sono partner in diverse attività riguardanti il dibattito sulla salute e sulla organizzazione del Sistema Sanitario Regionale.

Inserito da redazione il Lun, 31/05/2010 - 17:33

Tante parole ma pochi fatti per la legge sulle malattie rare

Non è ben chiaro se sia una nuova battuta d'arresto o il punto di partenza per il rush finale, ma per il disegno di legge sulle malattie rare sembra si debba ricominciare tutto da capo. Alla seduta del 21 aprile 2010 della 12° Commissione Igiene e Sanità del Senato è stato infatti presentato un nuovo testo del disegno di legge n. 52 (Incentivi alla ricerca e accesso alle terapie nel settore delle malattie rare. Applicazione dell'articolo 9 del regolamento (CE) n.

Inserito da Roberta Villa il Sab, 01/05/2010 - 17:18

Facciamo rispettare il Patto per la Salute

Per la prima volta dalla costituzione del SSN per il 2010 il finanziamento diminuirà, anziché aumentare. Partecipasalute pubblica l'appello "SOS Sanità. La salute è un diritto: non tagliare, spendere meglio.

Per approfondire

Il più grande assalto al SSN. Giovanni Padovani, Il Pensiero scientifico editore, 16/09/2009



sos sanità

siamo preoccupati

Inserito da redazione il Mar, 16/03/2010 - 13:09