«Mi chiamo dottor Knock, curo i sani»