Quando la rassegnazione blocca la critica