La chimera della consultazione popolare