Dichiarazione di Helsinki: il commento di Silvio Garattini, farmacologo