Gli studi clinici sponsorizzati dall’industria farmaceutica riportano risultati distorti