Solo la metà dei nuovi trattamenti è migliore di quelli già in uso