Alzheimer e consenso informato: a chi la scelta?