H1N1: anche l’OMS si fa influenzare