La mortalità ospedaliera non è un buon indicatore della qualità delle cure