Farmaci omeopatici: a chi l’onere della prova di efficacia?