Malati e ricercatori alleati contro il tumore gastrointestinale

Interessi condivisi tra pazienti e ricercatori: l’esempio delle interazioni tra farmaci nei pazienti GIST

Alla fine del 2007 il "Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità" è stato contattato dall'associazione che rappresenta i pazienti italiani con tumore stromale gastrointestinale, una malattia oncologica nota anche come GIST. L'associazione per conto dei propri iscritti era interessata a recuperare informazioni relative alle interazioni tra i farmaci oncologici che i pazienti utilizzano costantemente e altre sostanze tra cui farmaci ma anche fitoterapici e alimenti. Infatti, le persone che hanno questo tumore assumono cronicamente un farmaco anti-tumorale orale di nuova generazione, l'imatinib, che colpisce un determinato bersaglio molecolare. Purtroppo, dopo mesi o anni di trattamento con imatinib, il tumore può diventare resistente ed è quindi necessario cambiare farmaco. Ad oggi esistono diversi farmaci che possono essere utilizzati per trattare il tumore resistente e il più utilizzato è il sunitinib.
Il difficile reperimento di informazioni relative alle possibili interazioni farmacologiche - nel caso specifico tra imatinib, sunitinib, altri farmaci, fitoterapici e alimenti - nonché il grande interesse dei pazienti verso questo tema ha spinto l'associazione a contattare i ricercatori dell'Istituto sapendo che era disponibile una banca dati riservata ai medici sulle interazioni (http://www.marionegri.it/mn/it/riservMedico/index.html).
La richiesta ha portato alla scrittura di un documento più fruibile che spiega cosa si intende per interazione farmacologica, quali sono gli effetti e i meccanismi alla base dell'interazione tra farmaci e farmaci, alimenti e fitoterapici e riporta anche quali sono i farmaci e quali i soggetti più a rischio. Infatti, l'interazione tra farmaci è legata, non solo alle caratteristiche dei farmaci stessi, ma anche alle caratteristiche dei pazienti: età, stato di salute, presenza di più patologie. Il rischio di interazioni tra farmaci è direttamente proporzionale al numero di farmaci assunti. I farmaci più a rischio sono quelli che vengono utilizzati più spesso, come quelli per le malattie cardiovascolari o l'insonnia, e quelli assunti cronicamente, come i contraccettivi orali e gli antiinfiammatori. I soggetti più a rischio sono le persone anziane perché è molto probabile che abbiano patologie croniche, per le quali devono assumere più farmaci.
Nel documento per il GIST è stata stilata una tabella sulle possibili interazioni con imatinib e sunitinib, accompagnata per facilità di utilizzo dai nomi commerciali, dalla relativa rilevanza clinica, dai possibili effetti e dai relativi suggerimenti. Il tutto di facile lettura e con linguaggio accessibile.
I rappresentanti dell'associazione GIST hanno apprezzato il lavoro e, dopo averlo presentato alla corrispettiva associazione inglese, hanno proposto di tradurre e adattare il documento in lingua inglese per permettere la condivisione di questa importante informazione con la comunità internazionale dei pazienti affetti da GIST, riunita nel GLOBAL GIST NETWORK (che raggruppa associazioni di pazienti in 34 nazioni http://www.globalgist.org/countryandlanguage.html).
Le tabelle e il testo introduttivo possono essere scaricati all'indirizzo http://www.gistonline.it/default.aspx?c=14&s=64&t=2, l'associazione è naturalmente impegnata nel dare massima diffusione a questa iniziativa.
Questo descritto è un esempio di quanto possano essere favorevolmente condivise le informazioni tra cittadini e ricercatori e di quanto informazioni tecnico-specifiche possano essere trasformate in utili indicazione di facile utilizzo.

BOX | AIG Associazione Italiana GIST

AIG è un’organizzazione senza scopo di lucro nata nel giugno del 2006 dal contributo volontario dei malati, dei loro familiari e amici e di tutti coloro che hanno a cuore la salute di chi sta affrontando un importante percorso terapeutico e un nuovo corso della propria vita. Il termine “GIST” è l’acronimo del nome della patologia in inglese: Gastro Intestinal Stromal Tumor, che in italiano è conosciuta come Tumore Stromale Gastrointestinale.” (www.gistonline.it )

Anna Costato
AIG – Associazione Italiana Gist
Claudia Braun, Maurizio D’Incalci, Luca Pasina, Alessandro Nobili
Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano

Inserito da redazione il Lun, 23/06/2008 - 16:49