Agonisti della dopamina per il Parkinson: rischi e benefici

Gli agonisti della dopamina riducono le complicazioni motorie nel morbo di Parkinson ma danno maggiori effetti collaterali

Fonte
Stowe RL et al. Dopamine agonist therapy in early Parkinson's disease. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 2.

Gli agonisti della dopamina sono sempre più utilizzati per curare le persone affette da morbo di Parkinson. La comunità medico-scientifica, però, si sta ancora interrogando sulla effettiva validità e superiorità di questa cura. Una recente revisione sistematica ha stabilito che questi farmaci diminuiscono effettivamente il rischio di complicazioni motorie. Nel contempo, però, possono procurare diversi effetti collaterali come edema, sonnolenza, vertigini, stipsi, allucinazioni e nausea.
Questa è la prima revisione che considera l'intera classe degli agonisti della dopamina e ne valuta gli effetti. Per completarla i revisori hanno considerato 29 diversi studi clinici con 5.247 partecipanti in totale.
«Se si valutano insieme costi, benefici e effetti collaterali di questi farmaci, il vecchio prodotto Levodopa risulta essere il migliore. Non possiamo, però, esserne completamente certi perché pochi studi considerano anche la qualità della vita dei pazienti», dice l'autrice principale della revisione, la Dr Rebecca Stowe che lavora presso la Clinical Trials Unit dell'University of Birmingham.
«Per chiarire a fondo quale sia il bilancio tra i rischi e i benefici, stiamo attualmente conducendo un grosso studio clinico che esamina la qualità della vita dei pazienti e tiene conto dei parametri economici», dice la Stowe.

Le parole da capire

dopamina
sostanza sintetizzata dal corpo umano che, nel cervello, è responsabile del comportamento motorio, dei processi emozionali del piacere e della ricompensa.

edema
L'edema è un accumulo di liquidi nei tessuti dell'organismo. Può causare gonfiore in zone ristrette del corpo, come per esempio le gambe, oppure essere generalizzato.

Inserito da Sergio Cima il Mer, 30/04/2008 - 00:53