Da una pianticella cinese un aiuto ai malati di Alzheimer

L'estratto di un licopodio cinese (Uperzina A) può aumentare le capacità cognitive nei malati di Alzheimer

Fonte
Li J et al. A for Alzheimer's disease. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 2.

Le prove scientifiche disponibili mostrano che i pazienti con morbo di Alzheimer che assumono Uperizina A, un alcaloide estratto da un licopodio cinese, registrano un maggiore miglioramento delle capacità cognitive generali, dello stato clinico e delle performance funzionali ed una maggiore riduzione dei disturbi del comportamento rispetto ai pazienti che assumono placebo.
Il gruppo di revisori Cochrane è giunto a questa conclusione dopo aver esaminato i risultati di sei studi clinici randomizzati che avevano coinvolto un totale di 454 pazienti.
Si ritiene che parte dei disturbi tipici del morbo di Alzheimer siano dovuti alla perdita progressiva di neuroni responsabili del rilascio di acetilcolina nel cervello (proencefalo basale). Questo suggerisce che i farmaci capaci di inibire la colinesterasi, l'enzima che distrugge l'acetilcolina, possano sopperire, in parte, al danno potenziando le capacità dei rimanenti neuroni colinergici.
Gli scienziati sanno che l'uperizina A è in grado di bloccare la colinesterasi sia nel sistema nervoso centrale sia in quello periferico. Questa capacità lo rende un agente promettente per curare varie forme di demenza tra cui, appunto,il morbo di Alzheimer.
"I nostri risultati sono basati su un piccolo numero di studi clinici, ma suggeriscono indubbiamente che sia utile investire in ulteriori ricerche che valutino l'efficacia di questo farmaco" dice Il Professor Hongmei Wu, del Dipartimento di geriatria del West China Hospital della Sichuan University di Chengdu, nello Sichuan in Cina.

Parole da capire

Alcaloide
sostanza basica contenuta in piante che produce un effetto, talvolta tossico, sugli uomini e sugli animali. Esempi di alcaloide sono teina, caffeina, nicotina.

Acetilcolina
composto organico presente nel tessuto nervoso che è responsabile di molte attività come, ad esempio, vasodilatazione (riduzione della pressione), contrazione muscolare e sudorazione.

Ultimo aggiornamento 18/4/2008

Inserito da redazione il Ven, 18/04/2008 - 18:20