Note sulla utilizzazione del vaccino HPV in sanità pubblica

I tumori del collo dell'utero (o della cervice uterina) rappresentano in Italia l'1,6% di tutti i tumori femminili e sono in costante diminuzione. Ogni anno secondo i dati del Ministero della Salute vengono diagnosticati circa 3.500 nuovi casi che determinano circa 1.000 decessi.
Il virus del papilloma umano (HPV) è la causa del tumore della cervice uterina. Tuttavia non tutte le donne infettate da HPV sono destinate ad avere un tumore. Su 100.000 donne solo 10-15.000 hanno un'infezione persistente, e di esse solo pochi casi che non effettuano il Pap test avranno un cancro della cervice uterina. Il tempo fra l'infezione e una lesione pre-cancerosa è di circa 5 anni; il tempo fra la lesione pre-cancerosa e il tumore è di alcuni decenni (20-40 anni).
Esistono circa 150 genotipi del virus HPV, ma il 65% delle lesioni pre-cancerose è associato al tipo 16, al tipo 18 o a entrambi.
La prevenzione secondaria (soggetti che possono essere stati infettati) è assicurata dal Pap test e dal test per HPV, strumenti altamente efficaci, che consistono in un esame citologico che segue a un prelievo di cellule dall'utero da eseguire ogni tre anni a partire dai 25 anni di età. Per la prevenzione primaria (soggetti che non hanno avuto l'infezione) sono disponibili due vaccini: il Gardasil che vaccina contro 4 tipi (6, 11 - responsabili dei condilomi genitali - 16, 18) del HPV e il Cervarix che agisce contro 2 tipi (16 e 18) del HPV. I vaccini rappresentano una scoperta importante che apre una nuova via per la prevenzione dei tumori di origine virale.
La discussione riguardante l'utilità di vaccinare le ragazze dodicenni, in base a quanto stabilito dalla Legge finanziaria 2008, deve tener conto delle seguenti considerazioni.

  • Il vaccino copre solo il 65% delle infezioni che possono dar luogo a un tumore della cervice uterina. Occorre ricordare che vaccinando quest'anno tutte le 250.000 ragazze di dodici anni solo fra alcuni decenni si potrà avere un impatto sul tumore della cervice uterina che sarà comunque piccolo e in funzione del Pap test.
  • L'utilizzo del vaccino non implica l'abbandono del Pap test che deve essere eseguito regolarmente, perché solo il Pap test può rilevare lesioni pre-cancerose che devono essere curate. Il vaccino non agisce nelle donne che hanno già contratto l'infezione.
  • Per ora la immunità è garantita per 5-6 anni e bisognerà attendere per sapere se non si debba rinnovare la somministrazione del vaccino.
  • Sono già stati messi a punto vaccini più efficaci che arriveranno a coprire più del 95% dei genotipi HPV associati al tumore del collo dell'utero.
  • Non è noto se la neutralizzazione dei tipi HPV 6, 11, 16 e 18 non determini una maggior probabilità di infezione da parte degli altri genotipi, né è prevedibile se negli anni il virus HPV subisca mutazioni che cambino la relativa virulenza dei vari tipi.
  • Il presunto costo del solo vaccino (60 milioni di euro per vaccinare 250.000 ragazze) potrebbe essere utilizzato per aumentare la copertura del Pap test che è ancora insufficiente soprattutto nel Sud Italia.
  • Si dovrebbe prendere in considerazione l'utilità di vaccinare i maschi qualora fosse disponibile un vaccino di maggior efficacia a causa di un più largo spettro d'azione.

Per le ragioni sopra esposte si ritiene che il vaccino attualmente disponibile non abbia caratteristiche tali da essere posto fra le vaccinazioni obbligatorie, perché non rientra fra le azioni prioritarie per la sanità pubblica; ciò non toglie che esso possa essere comunque valido per singoli casi. Si auspica una campagna di informazione per far conoscere ai cittadini e agli operatori sanitari vantaggi e limiti della prevenzione primaria e secondaria del tumore della cervice uterina.

Detto su Partecipasalute

Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri
Dipartimento di sanità pubblica

Inserito da redazione il Gio, 03/04/2008 - 15:09

HPV

Buongiorno,

ho 20 anni e un anno fa ho avuto una lesione da HPV poi guarita. Il ginecologo mi ha consigliato di fare comunque il vaccino. E' davvero efficace nel mio caso?

Grazie