Se il ricercatore tira i numeri per la giacchetta

 

Fonti
Yank V et al. Financial ties and concordance between results and conclusions in meta-analyses: retrospective cohort study. BMJ 2007;335:1202.
Epstein RA. Influence of pharmaceutical funding on the conclusions of meta-analyses. BMJ 2007; 335: 1167.

Che la fonte del finanziamento di un singolo studio potesse condizionarne l'esito era noto da tempo (leggi Studi nutrizionali finanziati dall'industria: il risultato è troppo buono). Ma che fosse addirittura in grado di far allontanare le conclusioni di una metanalisi dai risultati rilevati non si era mai visto.

E invece sembra proprio che accada, stando a quanto riferisce una recente ricerca pubblicata sul British Medical Journal.

Secondo gli autori, che hanno confrontato 124 metanalisi su farmaci antipertensivi, gli studi finanziati da industrie farmaceutiche presenterebbero una significativa discordanza tra i risultati e le conclusioni che gli autori ne traggono. In particolare, sostengono i ricercatori, laddove il finanziatore è una singola impresa, a fronte di un 55% di risultati positivi, si riscontrerebbe un 92% di conclusioni positive; fenomeno attenuato nei casi in cui i finanziatori sono, non una, ma un gruppo di aziende e totalmente assente quando è un'istituzione non-profit a sovvenzionare la ricerca.

Stando alle considerazioni espresse dallo studio, si tratterebbe di una situazione estremamente grave: innanzitutto evidenzia la possibilità che sussistano interferenza nel giudizio dei ricercatori. Ma, argomento forse ancor più grave, rimette in discussione l'efficacia dei metodi di valutazione degli studi, in particolare quella della peer review, il lavoro di valutazione della ricerca effettuato da "pari" e divenuto ormai lo strumento che garantisce credibilità ad ogni lavoro scientifico.

«Sia il redattore che i peer reviewers devono aver letto il manoscritto che conteneva discordanze tra risultati e conclusioni, eppure non hanno impedito la pubblicazione - si legge nell'articolo - I redattori e i peer reviewers [...] devono attentamente scrutinare le conclusioni delle meta-analisi per assicurarsi che esse siano supportate dai dati».

Sembrerebbe ovvio, dal momento che quelle conclusioni, che in tal caso riguardano farmaci, saranno il fondamento su cui gli operatori si baseranno per le successive scelte.

Sullo stesso numero del BMJ Richard Epstein, professore di legge all'University of Chicago, tiene a difendere l'operato dell'industria da attacchi che porterebbero a un danno anche per i malati.

Argomenta Epstein: «Circa il 40% degli studi analizzati sono stati finanziati da una singola azienda a fronte di un 20% sostenuto da istituzioni non profit [...]. Di conseguenza ogni forma di esclusione delle compagnie farmaceutiche ridurrebbe il numero degli studi condotti. Il dilemma a tal punto è: vogliamo un numero minore di studi presumibilmente di buona qualità o un numero maggiore con probabili distorsioni?». Distorsioni che, aggiunge Epstein, data la pubblicità degli studi, sarebbero smascherabili, come conferma la ricerca di Yank.

Si può rilevare che la discussione è confinata alle alte sfere della ricerca e non sembra prendere in considerazione il parere delle persone che partecipano in prima persona agli studi clinici. Sarebbe auspicabile che a loro venissero chiariti gli effetti di un conflitto di interessi sull'interpretazione dei dati e quindi sulle decisioni che riguardano il percorso terapeutico che dovranno affrontare. Chiarire, insomma, che anche i numeri mentono.

Antonino Michienzi

Inserito da redazione il Ven, 28/03/2008 - 17:02

Se il ricercatore tira i numeri per la giacchetta

Concordo pienamente sulle conclusioni dell'articolo: i destinatari degli studi clinici (vedasi cittadini/pazienti) dovrebbero essere informati sulle gravi implicazioni dei conflitti d'interesse riguardo all'interpretazione dei dati visto che è in gioco la loro vita (quella di tutti!). Ma nessuna "authority" garantisce l'applicazione di questo diritto all'informazione senza reticenze e interessi di parte. Perché, per esempio, riguardo al vaccino contro il virus del papilloma umano che verrà somministrato alle bambine di 11-12 anni (solo in Italia per ora) non viene fornito ai genitori un quadro informativo completo ed esauriente sulla situazione ? Perché non si parla degli interrogativi (rimasti senza risposta) sollevati dalla Associazione Medica Canadese che ha pubblicato un articolo sul CMAJ (Canada's leading medical journal) il 28/08/2007 riguardo al vaccino contro l'HPV? Perché non si parla della petizione avviata in Spagna per ottenere una moratoria nell'applicazione di questo vaccino alle bambine ? Cattedratici e specialisti in Medicina preventiva, esperti di salute pubblica,ricercatori, epidemiologi, endocrinologi hanno sottoscritto la petizione e hanno già raccolto migliaia di firme. Perché i genitori italiani non hanno il diritto di ricevere attraverso i normali canali d'informazione queste notizie per confrontare le diverse opinioni scientifiche prima di vaccinare le proprie figlie? Marina Grappa

petizione spagnola

grazie! ottime segnalazioni! Per favore puoi dare qualche riferimento sulla petizione avviata in Spagna ed altre informazioni? grazie valerio gennaro