Pasti scolastici di buona qualità migliorano la salute fisica e mentale dei bambini socialmente disagiati

Kristjansson EA et al. School feeding for improving the physical and psychosocial health of disadvantaged elementary school children. Cochrane Database of Systematic Reviews 2007, Issue 1.

Una buona alimentazione è essenziale per il sano sviluppo dei bambini. Un modo per incrementare l’assunzione di cibo è fornire i pasti a scuola.
Alcuni revisori Cochrane hanno cercato di capire se i programmi di alimentazione scolastica possono produrre benefici in termini di salute fisica, mentale e psicosociale dei bambini.
Hanno valutato i dati raccolti da 18 studi, nove dei quali erano stati condotti in Paesi poveri e nove in Paesi ad alto reddito.
Nei Paesi più disagiati la frequenza scolastica dei bambini che ricevevano i pasti dalla scuola era aumentata di 4/6 giorni per anno. Questi bambini hanno anche fatto maggiori progressi in matematica e in alcuni esercizi di tipo cognitivo che richiedevano attenzione, flessibilità mentale e una rapida elaborazione delle informazioni.
I bambini dei Paesi più poveri che ricevevano pasti dalla scuola aumentavano di peso anche più rapidamente rispetto ai bambini dei Paesi ad alto reddito. Studi ben condotti mostrano infatti che l’aumento di peso in 19 mesi era in media di 0.39 kg superiore rispetto all’altro gruppo di bambini. Studi meno controllati invece riportavano aumenti di 0.7 kg in circa 11 mesi.
«I dati raccolti finora indicano che i bambini più disagiati beneficiano in molti modi del fatto di ricevere pasti dalla scuola. E’ importante però assicurarsi che questi pasti forniscano sufficiente energia, proteine e micronutrienti essenziali», afferma l’autore principale della revisione Betsy Kristjansson, della School of Psychology and Institute of Population Health, Università di Ottawa, Canada.

Inserito da redazione il Gio, 24/05/2007 - 09:45