Papà, lo screening della prostata non è una festa. Parola di medico

Medici di medicina generale contro la campagna di sensibilizzazione sul tumore della prostata lanciata in occasione della festa del papà.

Obiettivo dell'evento, promosso da un'associazione di urologi e sponsorizzato da una ditta farmaceutica, «è quello di informare e sensibilizzare la popolazione italiana nei riguardi del tumore della prostata di facile diagnosi, ed altamente curabile, secondo soltanto al tumore del polmone».

I medici di famiglia contestano l'opportunità di lanciare, su questa malattia, messaggi che suscitano un allarme generalizzato e inducono le persone a farsi visitare. Infatti non è provato che la diagnosi precoce di tumore della prostata sia efficace nel ridurre la mortalità per la malattia, mentre numerosi dati evidenziano un rischio importante di diagnosticare e quindi trattare soggetti che non avrebbero mai sviluppato la malattia. Inoltre i medici rilevano la contraddizione in cui è caduto il Ministero della salute che ha apposto il suo marchio all'iniziativa: da un lato approva e diffonde i documenti scientifici che contestano l'efficacia dello screening del tumore della prostata e dall'altro garantisce il patrocinio a una campagna che ne promuove l'uso.

Ecco le motivazioni della posizione delle società di medicina generale esposte in un comunicato stampa.


Comunicato stampa di Associazioni italiane di Medici di Medicina Generale

La «Settimana Nazionale di Prevenzione del Tumore della Prostata - Festa del Papà 2007», organizzata dalla World Foundation of Urology (una Onlus con sede in Italia2) con l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Salute, e del Ministero dell’Università e della Ricerca, merita un giudizio fortemente critico. Ancora una volta si trasmette al pubblico una informazione omissiva su limiti, rischi e incertezze di uno screening ancora in corso di valutazione scientifica, su cui la comunità medica internazionale è divisa per la mancanza di conoscenze ragionevolmente sicure sull’efficacia e il rapporto beneficio-rischio. Non è accettabile una promozione dello screening dei tumori prostatici dichiarandone solo gli aspetti positivi e sottacendo invece le importanti conseguenze negative (come incontinenza urinaria e impotenza) dell’intervento di prostatectomia e l’elevato numero di soggetti che non si gioverebbero comunque dell’anticipo diagnostico. Siamo molto preoccupati di come e quanto la decisione di sottoporsi all’esame del PSA sia sempre più banalizzata da una intensa ed incontrastata propaganda mediatica, che impedisce un giudizio equilibrato e spinge a sottoporsi a test preventivi anche persone che altrimenti non lo farebbero.

Non è mai stato provato che la diagnosi precoce di tumore della prostata sia efficace nel ridurre la mortalità per la malattia, mentre numerosi dati evidenziano un rischio importante di diagnosticare e quindi trattare soggetti che non avrebbero mai sviluppato clinicamente la malattia, o che sarebbero comunque deceduti per altre cause, considerata la frequenza di forme non evolutive del tumore, la sua lunga storia naturale e la prevalenza in età avanzate. Laddove lo screening è diffuso, come negli USA, si è assistito ad un incremento esponenziale di diagnosi di tumore della prostata e di prostatectomie, senza che sia stata documentata alcuna riduzione di mortalità a distanza di oltre 20 anni dalla scoperta del PSA. In queste condizioni, è lecito sostenere tanto l’opinione che lo screening sia raccomandabile quanto il contrario; ciò che non è lecito è non esplicitare le incertezze e omettere informazioni rilevanti nel determinare - come inevitabilmente avverrebbe - scelte differenti tra diversi soggetti. Tutto ciò che può influenzare l’autonoma decisione individuale è essenziale per la qualità dell’informazione. Lo screening del tumore della prostata (mediante dosaggio del PSA e altri esami) è una scelta personale difficile, che va presa dopo averne discusso opportunità, limiti e rischi con un medico di fiducia (non necessariamente urologo: il medico di medicina generale è anzi il naturale riferimento e può ben essere l’unico).

La novità di questa Campagna, rispetto ad infinite altre iniziative analoghe, è data dall’autorevolezza dei suoi sostenitori. Stupisce la contraddizione con il documento prodotto dalla Consensus Conference di Firenze del 2003 (Boccardo 2003; sottoscritto da moltissime Società scientifiche italiane tra cui tutte quelle della Medicina Generale), con la posizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche del 2004, con quanto afferma il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM) del Ministero della Salute (addirittura in una pagina Web dedicata alla formazione continua dei medici: «Screening del tumore della prostata: raccomandazioni e razionale»), e con le linee guida internazionali.

La domanda che sorge spontanea ai medici di Medicina Generale, quotidianamente a contatto con milioni di persone, è perciò molto semplice: che genere di informazione al pubblico, su fatti di salute, le Istituzioni democratiche del nostro Paese intendono dare e sostenere? E’ o no un diritto delle persone essere informate correttamente e compiutamente dai medici, per poter effettuare delle libere scelte sulla propria salute, tanto più in condizioni di incertezza del rapporto beneficio-rischio? Queste domande valgono sempre e per ogni intervento medico, ma impongono altissimo rigore e cautela quando si propongono interventi a persone sane ed asintomatiche, che non ne hanno fatto richiesta.

Bibliografia

  • Boccardo F et al. Italian national consensus conference on prostate cancer screening (Florence, May 17, 2003). Final consensus document. Int J Biol Markers 2003; 18: 238.

Le Società Scientifiche della Medicina Generale
Centro Studi e Ricerche in Medicina Generale (CSeRMeG)
Associazione Italiana Medici di Famiglia (AIMEF)
Associazione Scientifica Interdisciplinare Medici di Famiglia e di Comunità (Assimefac)
Società Altoatesina di Medicina Generale (SAMG)
European Academy of Teachers in General Practice (EURACT-Italia)
European General Practice Research Network-Italia (EGPRN)
European Rural and Isolated Practitioners Association (EURIPA-Italia)
European Network for Prevention and Health Promotion in Family Medicine and General Practice (EUROPREV-Italia)
Società Italiana per la Qualità dell’Assistenza Sanitaria – Verifica e Revisione di Qualità (SIQuAS-VRQ)

Adesioni
Centro Cochrane Italiano
Redazione di Occhio Clinico (Rivista di Medicina Generale)




Sul sito PartecipaSalute sono stati pubblicati alcuni articoli che possono aiutare il lettore ad approfondire la questione sollevata dalle società di medicina generale nel loro comunicato stampa:

 

AllegatoDimensione
File pdf del comunicato stampa74.52 KB
Inserito da redazione il Mar, 20/03/2007 - 12:07