Intervento di formazione e-learning per migliorare la qualità della prescrizione farmacologica in pazienti anziani

Con il progressivo invecchiamento della popolazione, il sistema sanitario si trova a dover fronteggiare il continuo incremento di pazienti anziani affetti da patologie croniche multiple, a cui vengono frequentemente prescritti più farmaci contemporaneamente - le cosiddette politerapie -, spesso in maniera inappropriata e con il rischio di reazioni avverse e interazioni tra farmaci.

Dato che la valutazione clinica tradizionale non è in grado di fornire sufficienti informazioni per identificare e gestire i numerosi bisogni di cura e assistenza di questi pazienti “fragili”, negli ultimi trent’anni, i geriatri hanno sviluppato uno strumento, denominato Valutazione Geriatrica Multidimensionale (VMG), in grado di fornire al medico queste informazioni e contribuire a formulare un piano terapeutico più specifico e più sensibile ai bisogni di cura di ogni paziente, migliorando di conseguenza la qualità prescrittiva.

Sul piano formativo, la diffusione di queste procedure di valutazione multidimensionale potrebbe essere implementata con l’utilizzo di nuove tecnologie e metodi d’insegnamento, come ad esempio l’e-learning cioè apprendimento on-line con l'uso di tecnologie multimediali e di Internet, che permettono di superare i limiti della formazione “abituale” spesso lunghi e costosi, che facilmente ne limitano la diffusione all’interno degli ospedali. L’e-learning potrebbe così rappresentare uno strumento pedagogico, dotato di un buon rapporto qualità-prezzo, in grado di fornire nell’ambiente ospedaliero numerosi vantaggi rispetto agli altri metodi tradizionali, tra cui la possibilità per il medico di usufruire del corso in qualsiasi momento della giornata, solo collegandosi ad un computer.

A questo scopo, è stato deciso di effettuare uno studio clinico randomizzato coinvolgendo 20 reparti ospedalieri di geriatria e medicina interna, dislocati su tutto il territorio italiano, in grado di arruolare 35 pazienti ciascuno, di età maggiore o uguale a 75 anni. Scopo dello studio era quello di valutare se l’insegnamento, tramite una piattaforma e-learning, di nozioni di valutazione geriatrica multidimensionale insieme a nozioni di farmacologia geriatrica permettesse ai medici ospedalieri coinvolti di migliorare la propria pratica prescrittiva nei confronti dei pazienti anziani ospedalizzati nei loro reparti, rispetto ai medici a cui venivano elargite solo conoscenze di farmacologia geriatrica. Il miglioramento della qualità prescrittiva è stato valutato in termini di riduzione della prescrizione di farmaci potenzialmente inappropriati negli anziani e di farmaci potenzialmente interagenti tra loro. I farmaci potenzialmente inappropriati negli anziani sono farmaci la cui prescrizione andrebbe sempre evitata o riservata a specifiche condizioni cliniche del paziente. Un’interazione tra farmaci invece si verifica quando gli effetti di un farmaco vengono modificati dalla presenza di un altro farmaco e ciò comporta una risposta farmacologica diversa da quella attesa, spesso dannosa.

Prima però di effettuare lo studio completo, l’Agenzia Italiana del Farmaco-AIFA, sponsor e ente finanziatore dello studio, ha richiesto di valutare la fattibilità dello studio su un campione di 8 reparti e 80 pazienti in totale, in termini di sviluppo della piattaforma e dei contenuti del corso di e-learning, valutazione dell’aderenza al corso da parte dei medici,valutazione dei risultati conseguiti dai singoli nelle aree tematiche proposte, numero di pazienti arruolati e prevalenza di farmaci inappropriati e farmaci potenzialmente interagenti tra loro al momento del ricovero rispetto alla dimissione ospedaliera.

I risultati di questo studio pilota hanno dimostrato la fattibilità dello studio completo1 che si concluderà a luglio 2015. Se lo studio definitivo confermasse la validità di questo corso di formazione, ciò consentirebbe al Sistema Sanitario Nazionale di usufruire di uno strumento di formazione in grado di migliorare la qualità prescrittiva nei confronti di pazienti anziani ospedalizzati, con conseguenti vantaggi sia economici che di salute pubblica.

 

Carlotta Franchi
Laboratorio di Valutazione della Qualità delle Cure e dei Servizi per l'Anziano
Dipartimento di Neuroscienze
IRCCS-Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

 

Per saperne di più:
- Franchi C, Mari D, Tettamanti M, Pasina L, Djade CD, Mannucci PM, Onder G, Bernabei R, Gussoni G, Bonassi S, Nobili A; On behalf of ELICADHE Investigators. E-learning to improve the drug prescribing in the hospitalized elderly patients: the ELICADHE feasibility pilot study. Aging Clin Exp Res. 2013 Dec 17.

 

Ultimo aggiornamento: 18/02/2014

 

Inserito da Anna Roberto il Mar, 18/02/2014 - 18:46