Cliente, paziente, persona....

Le parole sono pietre e il loro significato è importante. Le sfumature di parole diverse, dai significati apparentemente sovrapponibili, sono in realtà indicative di attenzione e sensibilità importanti e tutt’altra da trascurare. Avere tante parole per descrivere un fenomeno o una situazione arricchisce ma soprattutto porta a chiarire bene che cosa si vuole dire.

Un piccolo libro di Marco Geddes da Filicaia (*) ci introduce al senso delle parole in sanità attraverso la lettura-spiegazione di 12 diversi temi: da cliente/paziente/cittadino a budget/obiettivo/bersaglio, passando da informazione/comunicazione/narrazione.

In questo libro non si ritrovano solo raffinate osservazioni, corredate da relativa bibliografia, sul significato delle diverse parole considerate ma, in qualche modo, si ritrova anche l’evoluzione dell’uso dei termini, a volte impropriamente adattati da realtà culturali diverse - nello specifico quella anglosassone. Così succede che “nuovi” termini possano sostituirsi o affiancarsi tra di loro, generando in fondo confusione e imprecisione. Tutto ciò in un mondo, quello della salute e del sistema sanitario, che a tutti gli effetti ben godrebbe proprio di semplicità e semplificazioni.

 

Paola Mosconi
Laboratorio per il coinvolgimento dei cittadini in sanità, IRCCS-IRFMN

 

(*) Marco Geddes da Filicia. Cliente, paziente, persona. Il pensiero Scientifico Editore, 2013

 

 

Ultimo aggiornamento: 22/10/2013

Inserito da Anna Roberto il Mar, 22/10/2013 - 15:00