Il succo di mirtillo non può essere raccomandato per prevenire le infezioni delle vie urinarie

Jepson RG, Williams G, Craig JC. Cranberries for preventing urinary tract infections. Cochrane Database of Systematic Reviews 2012, Issue 10. Art. No.: CD001321. DOI: 10.1002/14651858.CD001321.pub5. URL Upon publication: http://doi.wiley.com/10.1002/14651858.CD001321.pub5

Secondo il nuovo aggiornamento di una revisione sistematica pubblicata sulla Cochrane Library, il succo di mirtillo non è in grado di impedire le infezioni alla vescica e ai reni. Gli autori hanno analizzato le prove disponibili più recenti e hanno concluso che il vantaggio, se presente, è molto piccolo e limitato alle donne con infezioni delle vie urinarie ricorrenti.

Le infezioni delle vie urinarie interessano la vescica, come nel caso della cistite, e talvolta i reni. Mirtilli e succo di mirtillo sono stati utilizzati per decenni per prevenire le infezioni del tratto urinario, anche in mancanza di prove chiare su come potessero aiutare a proteggere da queste infezioni. Una possibile spiegazione è che alcuni zuccheri e composti flavonoidi dei mirtilli impediscono ai batteri di aderire alle cellule che rivestono le pareti del tratto urinario.

La Cochrane Library ha affrontato questo argomento attraverso diversi aggiornamenti di questa revisione sistematica, che hanno aggiunto, ogni volta qualche conoscenza in più. Nel 2008 la conclusione era a favore di un piccolo beneficio legato all’uso dei mirtilli nella prevenzione delle infezioni del tratto urinario ricorrenti.

In questo nuovo aggiornamento appena pubblicato, i ricercatori hanno raccolto prove da 24 studi per un totale di quasi 4.500 partecipanti. Sono stati inclusi 14 studi in più rispetto alla revisione del 2008. I partecipanti ai diversi studi hanno ricevuto succo, compresse o capsule di mirtillo, oppure trattamenti di controllo, quali placebo, acqua, metenamina ippurato, antibiotici, lactobacillus o nessun trattamento. Sebbene in alcuni studi l’assunzione di mirtillo abbia portato a piccoli benefici per le donne che soffrono di infezioni ricorrenti, la quantità di mirtillo che le donne dovrebbero consumare per prevenire una singola infezione è pari a due bicchieri di succo al giorno, per lunghi periodi. I ricercatori concludono che, secondo le prove scientifiche attualmente disponibili, il succo di mirtillo non può essere sia raccomandato come un intervento efficace per prevenire le infezioni del tratto urinario.

Il ricercatore Ruth Jepson dell'Università di Stirling, nel Regno Unito, sostiene: “Ora che abbiamo aggiornato la nostra revisione con ulteriori studi, il succo di mirtillo risulta ancora meno efficace nel prevenire le infezioni del tratto urinario rispetto a quanto indicato nella scorsa revisione sistematica”. Sia gli studi che utilizzano il succo di mirtillo, sia quelli che utilizzano compresse o capsule hanno importanti punti critici. “Negli studi in cui alle partecipanti è stato dato succo di mirtillo, un gran numero di donne ha abbandonato lo studio, suggerendo che bere il succo per lunghi periodi di tempo potrebbe non essere accettabile” commenta Jepson. “Un problema comune agli studi che valutano le compresse o le capsule di mirtillo invece è che raramente riportavano la quantità di principio attivo. Non è chiaro quindi se i livelli di principio attivo considerati potessero essere sufficienti per avere un effetto.”

“Se possiamo ritenere inutili nuovi studi che valutano il succo di mirtillo, visto che quelli disponibili mostrano un beneficio piccolo e hanno un alto numero di abbandoni” precisa Jepson, “potrebbero essere utili studi su prodotti come compresse e capsule contenenti mirtillo, ma solo nelle donne con infezioni del tratto urinario ricorrenti, e solo se questi prodotti contengono la quantità raccomandata di principio attivo”.

 

Ultimo aggiornamento: 17/10/2012

Inserito da Anna Roberto il Mer, 17/10/2012 - 11:48