Gli integratori di selenio non riducono il rischio di cancro

Dennert G, Zwahlen M, Brinkman M, Vinceti M, Zeegers MP A, Horneber M. Selenium for preventing cancer. Cochrane Database of Systematic Reviews 2011, Issue 5. Art. No.: CD005195. DOI: 10.1002/14651858.CD005195.pub2

 

Nonostante alcune persone credano che il selenio riduca il rischio di cancro, una nuova revisione sistematica Cochrane dimostra la mancanza di un effetto protettivo in due tipi di tumore: il tumore della pelle (non melanoma) e quello della prostata. Ci sono inoltre alcune indicazioni per cui assumere selenio per un periodo di tempo molto lungo può comportare effetti tossici.

Queste conclusioni sull’assunzione protratta nel tempo di integratori a base di selenio sono state raggiunte attraverso l’analisi di sei studi sperimentali e di 49 studi osservazionali.

Se i dati degli studi osservazionali danno qualche indicazione sull’effetto protettivo di grandi quantità di selenio – effetto leggermente maggiore per gli uomini che per le donne - dati provenienti da studi più robusti mostrano la mancanza di benefici, e anzi un aumento di rischio associato all’assunzione prolungata.

 “I dati provenienti dagli studi osservazionali sono difficili da interpretare perché gli studi sono molto diversi e difficili da raggruppare” afferma il capo ricercatore Dottor Gabriele Dennert  dell’Istituto per la Ricerca sulla Salute Transdisciplinare di Berlino, che coordina un team internazionale di esperti.

Negli studi di maggiore qualità (randomizzati controllati) il selenio non mostra alcun beneficio “Anzi, i risultati degli studi Prevenzione Nutrizionale del Cancro e Selenio e Vitamina E nella Prevenzione del Cancro sollevano preoccupazioni dati gli effetti collaterali dell’uso a lungo termine” aggiunge Dennert. “In definitiva, non abbiamo trovato alcuna prova convincente per raccomandare l’assunzione regolare di integratori di selenio per la prevenzione del cancro, anche nelle persone che non ne assumono abbastanza.”

 Alla luce di tutti i dati disponibili, sarebbe necessario indagare ancora gli effetti del selenio nella prevenzione del cancro - in particolare nel tumore del fegato - e le possibili differenze tra i sessi che emergono negli studi senza gruppo di controllo.

Inserito da Valentina Pecoraro il Mer, 11/05/2011 - 15:30