No alla soppressione dei corsi in Scienze Infermieristiche ostetrico-ginecologiche

Si pubblica un comunicato stampa della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche che si oppone alla soppressione dei corsi didattici riservati agli infermieri nel settore dell'ostetricia e ginecologia.


COMUNICATO STAMPA FEDERAZIONE NAZIONALE DEI COLLEGI DELLE OSTETRICHE

no alla soppressione del settore disciplinare "scienze infermieristiche ostetrico-ginecologiche" - sapere antico e moderno delle ostetriche italiane

La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche è   decisamente   preoccupata   dell'ipotesi di soppressione del settore Scientifico disciplinare  MED 47  "Scienze Infermieristiche ostetrico-ginecologiche",  il riconoscimento della cui autonomia, all'interno del mondo accademico italiano, risale al 1996. 

La FNCO, relativamente alle funzioni di sua competenza, è  fortemente contraria a tale ipotesi.

La FNCO si impegna, nei confronti delle ostetriche/ci italiane/i e degli studenti che attualmente frequentano i corsi di Laurea in Ostetricia, la Laurea  Magistrale in Scienze infermieristiche ed ostetriche, i diversi Master ed i Dottorati di Ricerca, a sostenere nelle sedi appropriate il mantenimento dell'autonomia  del proprio "sapere" disciplinare, definito  a livello Internazionale con il termine Midwifery (arte e scienza dell'ostetrica).

Il sapere ostetrico è antichissimo; il suo oggetto di studio riguarda da sempre l'ambito delle  cure verso  la donna ed il  bambino. Oggi il  settore di ricerca e di conoscenza si estende alla  fisiologia degli eventi naturali del ciclo vitale della donna,  agli interventi di educazione,  di promozione e di  prevenzione della salute di genere e globale dei cittadini;  ai modelli di assistenza e di  supporto  all'evoluzione naturale dei fenomeni biologici e sociali  in campo sessuale e riproduttivo (gravidanza, parto e post-partum); all'empowerment della donna rispetto al ruolo materno e riproduttivo, alla relazione e all'attaccamento precoce con il bambino, all'allattamento al seno e alle cure del neonato.

La soppressione  del  settore scientifico professionalizzante che comprende ambiti disciplinari  e di insegnamento peculiari e specifici, comporterebbe gravi criticità nella formazione dei futuri professionisti ai quali competono profili di autonomia e di responsabilità diretta in ambito assistenziale. In altri termini  all'interno dei  percorsi formativi di I e II livello offerti dalle Università italiane una eventuale soppressione andrebbe a  compromettere  la trasmissione dei saperi, delle conoscenze e delle abilità della Midwifery  contrariamente anche a  quanto  previsto  dalle Direttive europee  per il riconoscimento dei titoli e dei percorsi di  formazione professionale.     

La soppressione del SSD comporterebbe inoltre  una contrazione dell'attività di ricerca nell'area della fisiologia degli eventi naturali del ciclo vitale della donna, quale filone di studio fondamentale   per l'accuratezza della diagnosi di patologia nei processi biologici ancora poco conosciuti e per  il supporto di questi ultimi. A sostegno del mantenimento del SSD vi è anche l'implementazione dei filoni di studio avviati con enorme sforzo anche in Italia. E', infatti, ormai considerevole  il numero di  ostetriche  che   partecipano  a progetti di ricerca di carattere nazionale (PRIN)  banditi dal MIUR,  che  collaborano con l'Istituto Superiore di Sanità, con  Associazioni Scientifiche di Ostetricia  e di Ostetricia e Ginecologia Italiana sia per la realizzazione di ricerche multicentriche sia  per la pubblicazione di trattati e di riviste accreditate per la   diffusione degli studi di settore. 

La FNCO auspica pertanto che il CUN si impegni a  garantire  la salvaguardia delle Scienze Infermieristiche ostetrico-ginecologiche e che tutte le Facoltà di Medicina e Chirurgia  italiane si impegnino a  tutelare  e sostenere  il l valore scientifico e sociale della disciplina.

Federazione Nazionale Collegi ostetriche

FEDERAZIONE NAZIONALE DEI COLLEGI DELLE OSTETRICHE
P.za Tarquinia, 5/D - 00183 Roma  tel. 067000943  fax 067008053
e-mail: presidenza@pec.fnco.it  - web: www.fnco.it
Orario apertura  linea telefonica: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10 alle 13 e dalle 14 alle 15 

Inserito da redazione il Ven, 03/07/2009 - 10:30