La posizione eretta accorcia la prima parte del travaglio

Secondo una nuova revisione Cochrane, la posizione supina delle partorienti non favorisce le prime fasi del travaglio. I ricercatori, infatti, hanno osservato che, rispetto alla posizione distesa, il travaglio è significativamente più breve nelle donne che lo affrontano in ginocchio, sedute, in piedi o camminando.

Utilizzando i dati provenienti da 21 studi, effettuati a partire dal 1960 e che hanno coinvolto 3706 donne, i ricercatori hanno osservato che la prima fase del travaglio dura circa un'ora di meno nelle donne che adottano una posizione eretta rispetto alla posizione distesa.

"Nella maggior parte dei Paesi in via di sviluppo, le donne durante le prime fasi del parto rimangono in piedi o camminano, a seconda di come preferiscono, senza mostrare effetti negativi" ha affermato Annemarie Lawrence, che lavora presso l'Istituto della salute della donna e del bambino presso l'ospedale Townsville, Queensland in Australia. "Questa revisione dimostra che rimanere in piedi o camminare durante la prima fase del travaglio è associata a benefici e a nessun rischio".

"Sulla base di questi risultati, le donne devono essere incoraggiate ad assumere durante il travaglio una qualsiasi posizione che risulti comoda, evitando però la posizione distesa".

I ricercatori sottolineano inoltre che sarebbero necessari studi in grado di valutare come la posizione assunta durante il travaglio sia in relazione con il dolore, con il controllo e con la soddisfazione delle partorienti.

Lawrence A, Lewis L, Hofmeyr GJ, Dowswell T, Styles C. Maternal positions and mobility during first stage labour. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 2. Art.No.: CD003934. DOI: 10.1002/14651858.CD003934.pub2

Inserito da redazione il Sab, 30/05/2009 - 14:44