Informati bene

Occhio al titolo!

Il «miracolo cinese» delle staminali



Beijing, città del nord-est della Cina si sta trasformando per molti malati di sclerosi laterale amiotrofica di tutto il mondo come in una Mecca della guarigione dalla malattia che li ha colpiti.
La destinazione è l'università dove opera Hongyun Huang, il neurochirurgo cinese che per 20.000 dollari a paziente pratica una terapia sperimentale basata sull'utilizzo di cellule staminali embrionali prelevate da feti abortiti.Da tutto il mondo, pazienti sofferenti per la malattia ancora mortale e disposti ad affrontare un lungo viaggio si recano in Cina nella speranza di poter stabilizzare o regredire la malattia...

tratto da Viaggi della speranza in Cina per curare il morbo di Gehrig» pubblicato su Italiasalute.it http://italiasalute.leonardo.it/news.asp?ID=6895


Cosa dicono gli articoli
Puntualmente i media danno notizia dei viaggi della speranza, organizzati da persone con gravi danni al sistema nervoso che sperano di guarire o migliorare il loro stato di salute compromesso sottoponendosi alla terapia con cellule staminali permessa in alcuni paesi.
Attualmente hanno risonanza mondiale gli interventi proposti da due medici: il cinese Huang Hongyun, noto in Italia perché aveva nella sua lista di attesa Ambrogio Fogar, e il portoghese Carlos Lima.
Entrambi propongono, al costo di circa 20-30 mila euro, un intervento che dicono potenzialmente risolutivo di gravi malattie o lesioni a carico del sistema nervoso (sclerosi laterale amiotrofica, Parkinson, lesioni del midollo spinale): il trapianto di cellule olfattive.
Huang pratica due fori nel cervello e vi inietta piccole quantità di cellule olfattive ottenute da feti abortiti: queste cellule hanno la proprietà di riprodursi e, secondo il medico di rigenerare tessuti danneggiati. Lima opera in modo simile ma propone un autotrapianto delle cellule olfattive nel luogo della lesione.
Entrambi affermano che la rigenerazione dei neuroni è un fenomeno lento di cui si possono apprezzare i risultati solo nel corso degli anni. Una convinzione che traggono «da anni di esperimenti su cavie».
Entrambi ignorano le ragioni dei risultati positivi e affermano di non avere tempo per sperimentare. Huang alla domanda «perché non pubblica una ricerca seguendo criteri scientifici?», è solito rispondere: «Devo fare qualcosa per la gente che soffre. Non posso darmi da fare anche per essere accettato dalla comunità scientifica».

Le fonti
La prima ricerca indipendente su queste terapia ha constatato che formula cinese del trapianto di cellule non funziona per la cura della sclerosi laterale amiotrofica (SLA).
Un gruppo di ricercatori ha valutato i risultati ottenuti dall’equipe di Hongyun Huang, che a Pechino utilizza cellule olfattive ottenute da feti abortiti per la terapia di malattie neurodegenerative, quali la Sclerosi Laterale Amiotrofica. Poiché esistono poche informazioni sulla reale efficacia e sugli effetti tossici di questa terapia, gli esperti hanno esaminato sette pazienti prima e dopo la terapia «Huang».
I risultati pubblicati sulla rivista scientifica Neurorehabilitation and Neural Repair, sono sostanzialmente negativi sia per la natura equivoca delle cellule impiantate, sia per la mancanza di risultati positivi, sia per la presenza di febbre e meningite.
Poiché molti pazienti e i loro familiari sono legittimamente tentati di utilizzare questa forma di terapia, è importante diffondere questa valutazione degli esperti per evitare inutili e illusori «viaggi della speranza».

- Dobkin BH et al. Cellular transplants in China: observational study from the largest human experiment in chronic spinal cord injury Neurorehabil Neural Repair 2006; 20: 5.
scarica l’articolo in pdf

Silvio Garattini
Istituto Mario Negri




Invia un commento (tutti i campi sono obbligatori):

aggiornato al 07-06-06